venerdì 8 ottobre 2010

Creare un NAS con Ubuntu server 10.04 LTS

A volte può tornare utile disporre di un NAS casalingo per condividere file fra i vari computer o semplicemente per archiviare dati, le soluzioni professionali dedicate possono essere molto costose e magari non rispondere alle nostre esigenze mentre per creare un NAS con Ubuntu possiamo utilizzare un vecchio pc  non spendendo quasi nulla e ottenendo un sistema potenzialmente molto più potente.

L'obiettivo di questa guida è quello di realizzare un semplice NAS casalingo, gestibile da remoto, per svolgere le operazioni di condivisione e download di files.


Considerazioni hardware
Un parametro molto importante per un NAS è il suo consumo, infatti il computer rimarrà acceso per molto tempo e diventa quindi necessario ridurne al minimo il consumo rimuovendo tutto quello di cui non abbiamo bisogno, ad esempio se non desideriamo utilizzare le porte USB disattiviamole dal bios, stesso discorso vale per le unità ottiche (scolleghiamo l'alimentazione) e per il processore, se crediamo di non sfruttarlo a pieno diminuiamo la frequenza di clock ottenendo così un pc che non solo consuma meno ma anche più silenzioso e fresco.
Come pietra di paragone vi propongo la configurazione del mio NAS casalingo:

  • CPU AMD Athlon XP 1600+ @ 1,4 GHz
  • 512 Mb di RAM
  • scheda di rete Fast ethernet

Il sistema è sovradimensionato per le funzioni che svolge, gran parte della potenza di calcolo del processore è inutilizzata e la ram utilizzata è circa il 10% di quella disponibile mentre la velocità di trasferimento dei files è di circa 10 Mb/sec.
Per una trattazione più esaustiva dell'argomento vi rimando a questo documento realizzato per FreeNAS ma in linea di massima valido anche per Ubuntu server.


Installazione del sistema operativo
Su questo punto non mi dilungo molto perchè molte opzioni dipendono dal proprio gusto personale, vi ricordo solamente che per questa guida ho utilizzato Ubuntu 10.04 server che essendo una versione LTS gode di un periodo di supporto esteso a 5 anni.
Verso la fine dell'installazione ci verrà mostrata un lista di servizi installabili, per il nostro scopo è fondamentale selezionare SAMBA (condivisione di file) mentre gli altri servizi non verranno trattati, però nulla ci vieta di installarli, ad esempio se vogliamo che il nostro NAS funga anche web server possiamo tranquillamente selezionare Apache ecc.


Configurazione del NAS
Per quanto riguarda la configurazione dei vari servizi mi appoggio a post pubblicati precedentemente:


A questo punto, se non ci sono stati problemi, il nostro NAS è perfettamente funzionante possiamo quindi staccare monitor, mouse e tastiera e dimenticarci persino dove lo abbiamo collocato visto che l'intero sistema è gestibile da qualsiasi pc connesso alla rete casalinga.

0 commenti:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
 
Il Bloggatore http://www.wikio.it Aggregatore Blogger italiani Linux software gratis
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | fantastic sams coupons